Gino Boccasile, 1939

 

Nel 1938 il costo annuo di un apparecchio radiofonico era di 81 Lire. Nonostante il suo uso portasse ad un aumento della bolletta della luce, i giornali invogliavano il lettore all'acquisto elencando i pregi di questo nuovo strumento di comunicazione.

Una radio resisteva all'usura del tempo, garantiva sei giornali al giorno, assicurava l'ascolto delle più eminenti personalità del mondo politico e culturale, di radiocronache sportive, concerti e opere di cartellone senza dover pagare il biglietto, comodamente seduti nel proprio salotto.

A giudicare però dalle lettere di lamentele di cui parlano i giornali di quegli anni, il rapporto tra la radio e gli italiani era ancora in via di formazione.

Nonostante gli abbonati fossero solo 795.000 su 43 milioni di abitanti, gli ascoltatori erano abbastanza esigenti e chiedevano nuovi programmi. Ma, nell'Italia del 1938, quante zone erano effettivamente raggiunte dalle trasmissioni radiofoniche?

Sappiamo che Roma aveva ben 4 trasmittenti e 3 programmi; Milano, Torino, Genova, Firenze, Napoli, Bari avevano 2 trasmittenti e 2 programmi; Bologna, Bolzano, Trieste e Palermo avevano 1 trasmittente ed 1 programma. 

Ad Ancona e Catania erano in fase di costruzione nuove trasmittenti. Un mezzo quindi, quello radiofonico, in fase di espansione e di ammodernamento.

Nel 1937, presso l'EIAR di Roma, era nato il Centro di Preparazione Radiofonica finalizzato alla formazione di annunciatori, radiocronisti e registi. Il Centro era integrato da uno Studio sperimentale che riceveva e vagliava le proposte del pubblico sulla creazione di nuovi programmi.

Sbirciando nei palinsesti radiofonici notiamo nel 1938 la presenza di programmi di informazione e finalizzati alla propaganda fascista.

Incuriosisce la presenza di programmi <intesi ad unificare la lingua, cioè ad insegnare la corretta pronuncia a chi vuol conquistare una certa indipendenza ortofonica dal proprio campanile>, così come particolare è la presenza anche di corsi di lingue straniere.

 

Video

La radio raccontata dai cinegiornali dell'Istituto Luce

 

Bibiografia

Film, settimanale di cinematografo, teatro e radio ,n.1, 1938

 

 

Global News