La Cucina Italiana, 15 gennaio 1930

 

 

Nel gennaio del 1930 la rivista quindicinale "La Cucina Italiana" bandì un concorso di cucina per la realizzazione di un intero pranzo per una famiglia di sei persone.

Le ricette dovevano rispettare canoni precisi:

Il desinare doveva essere sano e gustoso

- La spesa per la preparazione doveva essere la minima possibile

- Il desinare doveva essere costituito da una minestra, un piatto carneo, un piatto di verdura e frutta


Tanto gusto e poca spesa, questo quindi il segreto per vincere. Rileggendo il regolamento del concorso e le motivazioni che hanno spinto alla sua realizzazione, non sembra siano trascorsi così tanti anni. Si parla di crisi della società italiana e della necessità di mangiare sano pur non avendo molti mezzi a disposizione:

 

Moltissime sono le donne che impiegano malamente le poche lire del bilancio alimentare.... Le concorrenti e i concorrenti partecipando numerosi al nostro concorso, non obbediranno soltanto ad un semplice stimolo di emulazione, ma porteranno un contributo alla soluzione di un problema famigliare che è anche un grande problema sociale

 

I premi del concorso erano di 500 lire per il primo classificato, a seguire 200 e 100 lire per il secondo e terzo posto. 

 

 

 

Bibliografia

La cucina italiana, giornale di gastronomia per le famiglie e per i buongustai. N.1, anno II, 15 gennaio 1930

La rivista veniva pubblicata ogni 15 giorni e costava 50 cent.

Global News