1937

 

 

 

Imbrigliare, cesellare, bianchire, non ci troviamo all'interno dello studio di uno scultore, ma in un ricettario del 1934. Il sito www.academiabarilla.it, offre la possibilità, agli utenti registrati, di curiosare all'interno di alcuni periodici del ventennio.

Tante le sorprese e le curiosità presenti all'interno delle riviste. Stupisce, per chi è solito imbattersi in ricettari cartacei e digitali, la terminologia ed il lessico elegante.

Abbiamo estrapolato per voi alcuni dei termini presenti nel ricettario...con tanto di sorprese sul significato di alcuni.

 

Bianchire: mettere nell'acqua bollente per un tempo determinato certi legumi per estrarne l'agrezza.

 

Imbrigliare: legare un uccello od un pollo con lo spago

 

Cesellare: fare col coltello delle incisioni più o meno profonde nel tessuto di certi pesci o di certi legumi per facilitarne la cottura

 

Purificare: immollare i legumi per un dato tempo perchè abbiano a perdere ogni acredine

 

Spremere: mescolare paste o legumi con un cucchiaio di legno, premendo sul fondo della casseruola per impedire ai preparati di attaccarsi , e per facilitare l'evaporazione

 

 Abbrustiare: vuol dire far passare i polli o la selvaggina su un fuoco ardente

 

Agghiacciare: coprire di gelatina le carni già allestite

 

Parare: chiamasi parare l'operazione per cui si tolgono ai polli o alla carne  tutte le parti  che possono menomare la bella forma 

Global News